Per grazia ricevuta

Erano i quattro colonnelli della commedia all’italiana: Sordi, Gassman, Tognazzi e Manfredi. Lavoravano assieme poche volte, al massimo in coppia, ma quando lo facevano erano capolavori: I mostri, Io la conoscevo bene, Riusciranno i nostri eroi…, C’eravamo tanto amati.  Ilpadredifamiglia li ha amati tutti e quattro, ma per un motivo che non sa spiegare quello che forse ha amato di più è stato Manfredi. O forse si, lo può spiegare. Il motivo è in un film. Mare. Un cinema all’aperto. Un’estate di quarant’anni fa. Ilpadredifamiglia ha otto anni, suo fratello tredici, la mamma poco più di quaranta. Il film è Per grazia ricevuta. Potrebbe dire che non ricorda altro. Ma non è vero. Ricorda il farmacista anarchico. La processione. L’amante della zia che si finge sant’Eusebio. Il furgoncino carico di mutande e reggiseni. I bambini che spiano sotto le sottane delle contadine. Eppure nessuno di questi è il ricordo che cerca. Deve essercene un altro. Uno segreto. Uno più profondo. Un ricordo che, non sa in che maniera, gli ha fatto amare per sempre Nino Manfredi. Nino è morto dieci anni fa, il 4 giugno del 2004. Era l’ultimo rimasto dei quattro colonnelli. Perché ilpadredifamiglia lo amava? Boh, «una paroletta semplice, magari dialettale, che nun vorrà di’ gnente, ma che potrebbe esse pure minacciosa». Boh. Una conclusione ambigua, ma aperta.

Nino-Manfredi-Per-grazia-ricevuta

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: